MEDICINA LEGALE - Legge 210/92 - Incidenti Trasfusionali


 
Per informazioni e modulistica:
viale Bruno Rizzieri, 226

4° Piano St.2
Orario: Lunedì ore 9,00-12,30
Martedì ore 14,00-17,00

Tel. 06.4143.4019/20

freccina verde A chi è rivolto
punto logo La domanda, corredata dalla documentazione, deve essere presentata presso il Protocollo Generale della ASL Roma 2 Via Filippo Meda 35 dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 12.30.


 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
Soggetti aventi diritto
. Persone che hanno riportato lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione permanente dell’integrità psicofisica a seguito di:
  • vaccinazioni obbligatorie per legge o per ordinanza di una autorità sanitaria; vaccinazioni non obbligatorie ma effettuate per motivi di lavoro o per incarichi d’ufficio o per poter accedere ad uno stato estero;
  • vaccinazioni non obbligatorie ma effettuate in soggetti a rischio operanti in strutture sanitarie ospedaliere;
  • vaccinazione antipoliomielitica non obbligatoria nel periodo di vigenza della legge 30 luglio 1959, n. 695 (Legge 362/99, art. 3, comma 3).
. Persone non vaccinate che hanno riportato, a seguito e/o in conseguenza di contagio con persona vaccinata, lesioni o infermità, dalle quali sia derivata una menomazione a carattere permanente dell’integrità psico-fisica.
. Persone contagiate da virus HIV o da virus dell’epatite (“B” e/o “C”) a seguito di somministrazione di sangue o suoi derivati, sia ricorrente (ad es. soggetti affetti da emofilia, talassemia, ecc.) sia occasionale (ad es. in occasione di intervento chirurgico, ecc.).
. Personale sanitario di ogni ordine e grado che abbia contratto l’infezione da HIV durante il servizio, a seguito di contatto diretto con sangue o suoi derivati provenienti da soggetti affetti da infezione da HIV. Personale sanitario che, in occasione di servizio e durante il medesimo, abbiano riportato danni permanenti all’integrità psico-fisica conseguenti a infezione contratta a seguito di contatto con sangue e suoi derivati provenienti da soggetti affetti da epatite (“B” e/o “C”).
. Persone che risultino contagiate da HIV o da epatiti virali dal proprio coniuge appartenente ad una delle categorie di persone sopra indicate e per le quali sia già stato riconosciuto il diritto all’indennizzo ai sensi della legge 210/92, nonché i figli dei medesimi contagiati durante la gestazione (Legge 210/92, art. 2, comma 7).
. Gli eredi di persona danneggiata che, dopo aver presentato la domanda in vita, muoia prima di percepire l’indennizzo. Agli eredi, in questo caso, compete la quota ereditaria, testamentaria o legittima, delle rate di indennizzo maturate dalla data di presentazione della domanda sino al giorno della morte (compreso) del danneggiato.
. Parenti aventi diritto (nell’ordine: il coniuge, i figli, i genitori, i fratelli minorenni, i fratelli maggiorenni), dietro specifica domanda, qualora a causa delle vaccinazioni o delle infermità previste dalla Legge 210/92 sia derivata la morte del danneggiato. Gli aventi diritto possono optare fra un assegno reversibile per 15 anni o un assegno una tantum.