Si è aperto stamattina il Convegno Internazionale  su “Un figlio dopo” sui Tumori, Malattie del sangue e gravidanza presso l’Ospedale Sant’Eugenio organizzato dal Dipartimento delle Malattie di genere, della genitorialità, del bambino e dell’adolescente  con la collaborazione di Ematologi  e Oncologi della ASL Roma 2 che negli ultimi 5 anni hanno sorvegliato la gravidanza e assistito la nascita di oltre 100 pazienti con diagnosi  di patologia tumorale.

 

Storicamente alla donna con diagnosi oncologica veniva negata ogni prospettiva e gravidanza anche a causa delle terapie chirurgiche e mediche che avevano l’obiettivo di azzerare la produzione ormonale e cellulare destinate alla riproduzione.

 

Lo scopo dell’incontro, sviluppato in due giornate, è la verifica dei risultati ottenuti, il confronto delle terapie effettuate e dei protocolli delle equipe operanti sul territorio nazionale con l’obiettivo di raggiungere uniformità comportamentale e comunicativa.

 

Al  Convegno sono presenti, tra gli altri, la Dott.ssa Elba Viora,  a cui questo anno è stato assegnato  il riconoscimento dalla International Federation of Gynecology and Obstetrics   quale miglior ginecologa donna a livello mondiale che ha contribuito, attraverso la sua carriera, al miglioramento della salute per le donne, le madri ed i loro figli, ed al ruolo della donne nella ginecologia ed ostetricia nel suo Paese, il Prof. Enrico Sartori Direttore della Scuola di Specializzazione in Ginecologia ed Ostetricia dell’Università di Brescia e Coordinatore del progetto nazionale sulla Oncofertilità  e la Dott.sssa Jane Apperleya, Presidente del Dipartimento di Ematologia dell’ Imperial College Healthcare NHS Trust di Londra.