pulsante libera dalla violenza

La ASL Roma 2, in ottemperanza alle Linee guida per le Aziende Sanitarie e le Aziende Ospedaliere in tema di soccorso ed Assistenza socio sanitaria alle donne vittime di violenza, istituisce, nell’ambito del Percorso Aiuto Donna, una Procedura di prevenzione, contrasto e presa in carico multidisciplinare delle vittime della violenza di genere con una serie di strategie integrate e linee di indirizzo della Rete Antiviolenza nei confronti delle donne e di soggetti vulnerabili al maltrattamento, all’abuso, alla violenza sessuale ed alla violenza assistita.
Pronto Soccorsi ospedalieri, Unità Operative dipartimentali relative a malattie di genere, genitorialità, salute mentale, tutela delle fragilità, Unità Operative ospedaliere pediatriche, neonatali, ostetriche e ginecologiche in accordo con servizi territoriali, case della salute, assistenza sociale, Medici di Medicina Generale e Pediatri di Libera Scelta, consultori familiari, costituiscono di fatto il primo contatto con il Servizio Sanitario Nazionale in cui ogni vittima di violenza dovrà trovare un’assistenza qualificata e competente sia dal punto sanitario, ma anche attenzione e tutela per i risvolti psicologici, giuridici e legali.
Sono stati infatti realizzati protocolli sanitari in cui sono coinvolti operatori differenziati in base all’emergenza ed alla gravità dei casi che possono presentarsi ed in base alla differenziazione di violenza su donne o su minori al fine di poter meglio procedere a seconda delle differenti situazioni.